Matera, che figurone al Via del Mare. Ottimo pareggio contro la capolista Lecce

Lecce –  MATERA 0-0

Lecce (4-3-1-2): Perucchini, Di Matteo (Legittimo 36′ s.t.), Mancosu, Cosenza, Arrigoni, Lepore, Marino, Dubickas (Torromino 19′ s.t.), Armellino, Saraniti (Di Piazza 12′ s.t.), Selasi (Tabanelli 12′ s.t.).
A disp.: Chironi, Costa Ferreira, Valeri, Megelaitis, Tsonev, Ciancio, Gambardella, Persano.
All. Liverani
Matera (4-2-3-1): Tonti, Angelo, Dugandzic (Salandria 31′ s.t.), Strambelli (Sartore 21′ s.t.), Di Sabatino, Sernicola, Urso, Casoli, De Franco, Di Livio (Maimone 31′ s.t.), Tiscione (Giovinco 44′ s.t.).
 A disp.: Mittica, Scognamillo, Battista, Taccogna, Gigli.
All.: Cassia (squalificato Auteri)
Arbitro: Massimi di Termoli (Vingo – Spiniello)
Note: circa 9.500 spettatori, duecento dei quali provenienti da Matera. Ammoniti Di Matteo (L), Armellino (L), Di Sabatino (M) e De Franco (M). Prima del fischio d’inizio le due squadre hanno osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Davide Astori, lo sfortunato capitano della Fiorentina tragicamente scomparso una settimana fa.

Visita la fotogallery di Lecce – Matera

Guarda gli highlights di Lecce – Matera a cura di Eleven Sports

SINTESI – Il Matera strappa un prezioso pareggio sul campo della capolista Lecce. Zero a zero il risultato finale al termine di un match ben giocato dai biancoazzurri. Nel primo tempo meglio gli ospiti che controllano il pallino del gioco e si affacciano pericolosamente dalle parti di Perucchini. Nella ripresa i salentini reagiscono e impensieriscono Tonti con un paio di accelerate. Partita molto tattica e combattuta, priva di vere emozioni da goal, fatta eccezione per alcune incursioni, tra cui la più pericolosa di Di Piazza, subentrato nel secondo tempo, che supera Tonti ma perde l’attimo giusto per insaccare. Alla fine il risultato finale è giusto e premia entrambe le squadre. Matera che quindi fa un figurone contro la prima in classifica e prosegue la striscia positiva di risultati.

PREMESSA – Mister Cassia, sostituto di Auteri (rientrerà in panchina contro la Juve Stabia, dopo il turno di riposo in programma la prossima settimana), conferma la difesa a quattro che bene sta facendo nelle ultime partite. In porta Tonti sostituisce Golubovic, infortunatosi nella vittoria interna contro il Catanzaro. Linea difensiva con De Franco e Di Sabatino centrali (quest’ultimo costretto nel ruolo di centrale date le assenze di Buschiazzo, squalificato, e Scognamillo, non al meglio), Angelo a destra e Sernicola a sinistra. A centrocampo confermata la coppia centrale con Urso e Casoli. Nel ruolo di centrocampisti avanzati agiscono Strambelli centrale, Tiscione a destra e Di Livio a sinistra, a supporto dell’unica punta Dugandzic. Nel Lecce confermato il 4-3-1-2 messo in campo da mister Liverani. Ex di turno Armellino, la passata stagione nella città dei Sassi. In avanti coppia d’attacco composta da Saraniti e Dubickas.

CHIAVE DI LETTURA – In avvio di gara Lecce più in palla. I giallorossi fanno possesso e mantengono l’iniziativa ma senza rendersi mai davvero pericolosi dalle parti di Tonti. I biancoazzurri crescono alla distanza ed al 17′ Strambelli, fischiatissimo per tutta la gara, ci prova dai 25 metri con un tiro che esce non di molto. Al 25′ Saraniti si ritrova davanti a Tonti ma, disturbato da Di Sabatino, calcia male e manda fuori. Al 28′ Sernicola entra in area dal vertice sinistro ma viene stoppato al momento del tiro. Nel finale di tempo rapida azione di contropiede per il Matera, decisivo l’intervento difensivo di Di Matteo che disinnesca Strambelli pronto a calciare. Nella ripresa è ancora Matera, insidioso con Strambelli. Liverani decide allora di cambiare volto ai suoi, mandando in campo Tabanelli, Torromino e Di Piazza al posto di Selasi, Dubickas e Saraniti, autori di una gara assolutamente insufficiente. Il Lecce preme, il Matera si difende con ordine cercando di ripartire in velocità ma al 23′ rischia di capitolare. Lancio lungo per Di Piazza che si ritrova tutto solo davanti a Tonti, lo aggira ma sbaglia clamorosamente il più facile dei tocchi nella porta sguarnita; Angelo recupera sulla punta salentina e gli toglie palla con un intervento dubbio: proteste veementi ma per il signor Massimi si può continuare. Al 32′ ci prova Mancosu ma la sua conclusione dalla distanza è ben diversa da quella che decise la gara di andata. Il Lecce si riversa in avanti ed al 46′ va vicino al gol ancora con Di Piazza che approfitta di uno scellerato retropassaggio verso Tonti e disegna un pallonetto che finisce altissimo. L’arbitro fischia la fine decretando il pareggio a reti bianche tra Matera e Lecce.

CONCLUSIONEIl Matera ritorna dalla trasferta salentina con il sorriso. Certamente un punto conquistato sul campo della capolista soddisfa più i lucani, che così portano a quattro la striscia di risultati utili consecutivi, consolidando il quarto posto in solitaria vista la sconfitta del Rende e del Siracusa, entrambe raggiunte dalla Juve Stabia. I biancoazzurri hanno, per lunghi tratti del match, imbrigliato i giallorossi con una fitta rete di passaggi, conquistando, di fatto, la zona nevralgica del campo. Una grande partita in fase di fraseggio a centrocampo, a cui è mancata un pizzico di profondità e pericolosità in avanti. Zero tiri nello specchio della porta da parte degli ospiti, che pur si sono affacciati pericolosamente dalle parti di Perucchini. D’altro canto, i lucani non sono quasi mai andati in difficoltà sulle avanzate leccesi, fatta eccezione per una incursione di Di Piazza nella ripresa. Il risultato, in conclusione, appare giusto in virtù di quanto visto in campo. Matera che osserverà nella prossima giornata un turno di riposo, per poi rientrare nella difficile trasferta di Castellammare di Stabia, con le vespe distanti adesso solo due punti. Gli uomini di Auteri sperano in un passo falso delle dirette concorrenti nella prossima giornata, per mantenere la quarta posizione, e devono concentrarsi in vista del rientro.

Commenta per primo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*