Ricci-Scaringella, il Matera conquista tre punti d’oro! Battuto il Siracusa tra le mura amiche

Matera – Siracusa 2-1

Reti: 6′ Ricci (M), 22′ Catania (S), 24′ Scaringella (M)

Matera (4-4-2): Farroni, Risaliti, Stendardo, Auriletto, Sepe, Triarico, Bangu, Grieco, Ricci, Orlando, Plasmati. A disposizione: Guarnone, Sgambati, El Hilali, Galdean, Grufi, Lorefice, Milizia, Genovese, Casiello, Corado, Dammacco, Scaringella. Allenatore: Imbimbo.

Siracusa (4-3-3): Gomis, Daffara, Turati, Di Sabatino, Bruno, Mustracciolo, Tuninetti, Del Col, Catania, Vazquez, Celeste. A disposizione: Messina, Boncaldo, Ott Vale, Gio. Fricano, Fruci, Rizzo, Russini. Allenatore: Pazienza.

Arbitro: Federico Fontani di Siena. Assistenti: Dario Gregorio di Bari e Andrea Nasti di Napoli.

Note: spettatori circa 1.500 di cui 5 provenienti da Siracusa.

Guarda gli Highlihsts del match a cura di Eleven Sports

Guarda gli highlights del match a cura di ElevenSports

Guarda le interviste post-match

Guarda le foto del match a cura di Alessandro Savino

RISALITA Vittoria importantissima del Matera che in casa, tra le mura amiche, batte il Siracusa per 2 reti a 1. Terzo risultato utile consecutivo, dopo la vittoria contro la Viterbese ed il pareggio esterno nel derby contro il Potenza. Biancoazzurri che, grazie al filotto positivo, superano la Viterbese (che comunque deve recuperare numerose partite) e raggiungono la Paganese. Decisive le reti di Ricci e Scaringella che valgono tre punti d’oro.

LOTTA Prima frazione caratterizzata da un sostanziale equilibrio. Poche occasioni da una parte e dall’altra ma meglio il Matera, sicuramente più propositivo. Da segnalare l’uscita di scena di Plasmati, probabilmente a seguito di un guaio muscolare.

BOTTA E RISPOSTASuccede tutto nel secondo tempo. Vantaggio dei lucani siglato da Ricci, di testa. Pareggio degli ospiti con Catania che sorprende Farroni con una incornata. Botta e risposta, immediato nuovo vantaggio firmato Scaringella che si trova tra i piedi una palla vagante in area e scaglia un destro imparabile per Gomis. Risultato che avrebbe potuto essere più rotondo se solo il colpo di testa di Corado non si fosse stampato sul palo. Padroni di casa che difendono il parziale con le unghia e con i denti fino al triplice fischio. Tre punti fondamentali che consentono a Stendardo e compagni di continuare sulla scia delle buone prestazioni offerte nelle ultime partite e guardare il futuro con più ottimismo. Vietato abbassare la guarda, martedì si torna in scena contro il forte Catania.

Commenta per primo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*