Davide contro Golia. La Casertana fa visita al Matera, una sfida che sembra già scritta in favore dei campani, ma i numeri e la storia ci dicono di sperare

Il match che andrà di scena domani pomeriggio alle 18:30 al XXI Settembre Franco Salerno, è una di quelle partite dall’esito quasi scontato, considerati i rispettivi momenti delle due compagini e, soprattutto, le due rose a disposizione di Imbimbo da una parte, e Fontana dall’altra. La Casertana, in questa ultima estate, si è rifatta il look e, sfruttando anche il fallimento dell’Avellino, è riuscita ad accaparrarsi giocatori di prim’ordine per la categoria, un vero e proprio lusso, parliamo ovviamente di Castaldo e D’Angelo su tutti, senza dimenticare Zito svincolato dalla Salernitana, niente di meno di Vacca e cicliegina sulla torta, Antonio Floro Flores, fermo restando la riconfermata intelaiatura che ha caratterizzato la squadra campana nel recentissimo passato.

L’ultimo match disputato ha visto la Casertana pareggiare in casa contro il Catania, una partita che viste le rose in campo, poteva tranquillamente disputarsi in serie B; eppure nonostante lo svantaggio iniziale e il risultato finale di parità, gli uomini di Fontana hanno dominato la partita, confermandosi tra le più forti compagini, se non la più forte, del girone C. Un cammino sino ad ora condito da due vittorie e un pareggio in casa, una vittoria e due sconfitte in trasferta. E’ chiaro che il gruppo agli ordini di Fontana ha bisogno ancora di amalgamarsi, e questa ricerca di personalità si denota in trasferta maggiormente, a sottolinearlo le sconfitte maturate su campi come Bisceglie e Rieti, compagini con cui il Matera non ha assolutamente sfigurato, al di là della “sventurata” sconfitta al Ventura.

Lontano dal Pinto, i campani hanno segnato 4 reti, tutte e quattro messe a segno da giocatori diversi, Rainone e Padovan nell’ultima uscita vincente a Francavilla Fontana, Floro Flores e Alfageme in occasione delle sconfite di Bisceglie e Rieti. Si cerca dunque la continuità anche lontano dalle mura amiche e, il XXI Settembre Franco Salerno in questo periodo, sembra un’ottima terra di conquista.

Il Matera fa fatica, le cinque sconfitte di fila fanno male, fanno tanto male al morale, anche se potrebbero rappresentare una scarica nervosa non indifferente soprattutto quando si ha davanti una vera e propria corazzata, acclamata sin da metà agosto da tutti gli addetti del mestiere. A consolare gli uomini di Imbimbo potrebbero esserci però risvolti esterni al terreno di gioco, quelle variabili che, a detta del ds biancazzurro Volume, potrebbero essersi insinuate come tarli nella mente dei ragazzi in campo e che adesso, visti i nuovi sviluppi, potrebbero invece rappresentare una fonte di tranquillità maggiore. La nuova sponsorizzazione da parte della Sidigas, il fatto che la penalizzazione per la fideiussione dovrebbe non arrivare più, e in ultimo il dato prettamente tecnico che vede la Casertana aver preso sempre gol sino ad ora, tre in casa e ben cinque in trasferta. Il Matera, aldilà dello score di risultati da “profondo rosso”, potrebbe trovare risvolti interessanti in questa partita, ricordando che sono due i match consecutivi in cui riusciamo quantomeno a segnare.

Inutile girarci intorno, sulla carta comunque non ci sarebbe partita, il divario tecnico tra Matera e Casertana è palese, le bocche di fuoco campane sono e saranno un problema per tutti in questo campionato. Ma quando non si ha niente da perdere, allora si ha tutto da guadagnare, e i numeri del passato ci dicono che soltanto una volta (’72-’73) la Casertana è tornata con i tre punti dal XXI Settembre Franco Salerno. Uniamoci intorno a questi ragazzi, il cammino è tutto da scrivere.

Commenta per primo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*