L’avversario di turno: l’Akragas

Una formazione dell'Akragas 2016/2017 ( foto siciliasportnews)
Una formazione dell’Akragas 2016/2017 ( foto siciliasportnews)

Numeri alla mano l’Akragas è la squadra più giovane del girone con un’età media di 22.3 anni (contro i 26.2 del Matera) ma nonostante ciò i siciliani non stano affatto sfigurando. Dodici i punti conquistati nelle dieci gare giocate, frutto di due vittorie e sei pareggi. Squadra che segna pochissimo (appena nove le reti messe a segno) ma che in difesa subisce relativamente poco (dodici i gol al passivo) e che è imbattuta da sei turni; mai sconfitti tra le mura amiche, lontano dall’Esseneto i biancoazzurri hanno collezionato una vittoria (1-0 a Catania), un pareggio (0-0 a Foggia) e quattro sconfitte (a Lecce e Fondi) con due soli gol realizzati e sei subiti.
In panchina siede da quest’estate il napoletano Raffaele Di Napoli, storico vice di Sasà Campilongo, nella passata stagione a Messina. Di Napoli, già in passato ad Agrigento come calciatore, predilige dal punto di vista tattico il 4-3-3 ma a Matera, come già sperimentato a Foggia, potrebbe anche optare per un più abbottonato ed equilibrato 4-4-2.
Tra i pali ci sarà il 26enne Pasquale Pane, prelevato dal Mantova.
Al centro della difesa il capitano Daniele Marino che farà coppia con uno tra Luigi Carillo, ex Juve Stabia, e Christian Riggio, nella passata stagione a Vibo. A destra Matteo Zanini, ex Messina, mentre a sinistra l’italo-uruguaiano Antonio Sepe si gioca una maglia da titolare con il brasiliano Thiago Cazè.
In mezzo al campo il mediano Francesco Salandria, riconfermato, il classe 1997 Fausto Coppola, scuola Entella, ed il centrale argentino Bruno Pezzella.
In attacco lo spauracchio è sicuramente Guido Gomez, punta italoargentina prelevata dalla Juve Stabia. Alla sua destra agirà la seconda punta Salvatore Cocuzza, l’anno scorso a Messina, mentre a sinistra l’ex di turno Lorenzo Longo, alberobellese di proprietà del Bari. Partiranno dalla panchina l’esterno alto sinistro German Cochis e Francesco Salvemini, di proprietà della Ternana.

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*