Casoli non è più un calciatore del Matera. Arriva la rescissione consensuale con il club biancoazzurro

UFFICIALEGiacomo Casoli non è più un calciatore del Matera Calcio. Ad annunciarlo è Ninni Cannella, addetto stampa della società lucana, con un comunicato stampa che annuncia la rescissione consensuale tra le due parti.

LA VOLONTA’ DEL GIOCATORE – La nuova società, nelle persone del presidente Nico Andrisani e dell’avvocato Ripoli, subito dopo aver rilevato il club hanno tentato di  trattenere il forte centrocampista umbro. L’ingaggio del giocatore è apparso sin da subito un ostacolo insormontabile che ha di fatto reso impossibile qualsiasi tipo di trattativa. A questo va aggiunto che le richieste per Casoli certamente non sono mancate, da parte di squadre con obiettivi ben diversi da quello del Matera.

RESCISSIONE – Per quanto detto in precedenza Giacomo Casoli è diventato nel corso delle settimane un tesserato troppo ingombrante. Nelle prime settimane si è pensato ad un’asta tra diversi club, tra cui il Catanzaro di mister Auteri, per cui il Matera avrebbe così guadagnato una somma importante dalla cessione del cartellino. Ipotesi che si è andata via via dissolvendo nelle ultime ore, con l’annuncio della società e la rescissione consensuale che accontenta più il giocatore che la società.

LA STORIA – Giacomo Casoli può essere definito uno dei punti fermi del Matera sotto la gestione di Saverio Columella. I destini del giocatore e del club lucano si sono incrociati per la prima volta nella stagione 2014/2015, quando con la maglia del Como riuscì ad eliminare proprio i biancoazzurri nelle semifinali playoff di serie C. L’approdo nella città dei Sassi nel mercato invernale della stagione successiva. Da quel momento Casoli ha conquistato a poco a poco il cuore della tifoseria, arrivando a disputare 82 presenze in 3 stagioni, per un totale di 12 reti. Un giocatore che sicuramente ha onorato la maglia in tutte le partite, soprattutto nei momenti difficili. A lui vanno i nostri migliori auguri per il proseguo della sua carriera.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*