La voce del tifoso del Matera per Taranto – Matera: la tifosa Nunzia Barile

Torna l’appuntamento con la rubrica “La voce del tifoso”. Rubrica che ci accompagnerà per l’intera stagione. Diamo spazio ai tifosi, sia locali che ospiti, i quali ci raccontano le loro sensazioni pre-match.

Oggi abbiamo il piacere di intervistare Nunzia Barile, grande vecchio cuore biancoazzuro, tifosissima del Matera.

14087453_10209908507378989_742551655_o

 

Il Matera, per la prima di campionato, andrà di scena a Taranto. Come giudichi l’avversario?

“Il Taranto è una squadra appena ripescata in Lega Pro, ma sicuramente avrà voglia di lasciare la sua impronta anche in questo stagione. Considero il Matera tra le favorite che quest’anno puntano alla promozione in serie B e quindi il Taranto, con tutto il rispetto, non deve farci paura. Abbiamo tutte le caratteristiche per uscirne vincitrici.”
Sicuramente il tifo domenica non mancherà e reciterà un ruolo importante per i giocatori. Può risultare una spinta decisiva per il Matera?

“A Taranto, a quanto pare, saremo un bel numero di tifosi materani e, senz’ombra di dubbio, è un stimolo che può aiutare molto la squadra a lottare per la vittoria. Sentire il calore dei propri tifosi può fare la differenza, anche perchè di contro avremo la numerosa  e “agguerrita” tifoseria tarantina. Il nostro compito sarà di essere uniti, incitando la squadra per tutti i 90 minuti.”

Tu sei un tifosa storica del Matera. In questi anni sono passati tanti giocatori nel club biancoazzurro. La tua top 11?

“La mia top 11 vede: Bifulco, Valdez, Di Lorenzo, Mucciante, Iannini, Marsico, De Rose, Genco, Infantino, Picci, Tatti. All. Auteri”

Un grande cuore biancoazzurro come il tuo, ne ha vissute tante. Ci racconti il tuo momento più bello e quello più brutto?

“Il momento più bello è stato su tutti la promozione in lega Pro che, per una come me che ha visto pochissimi anni di C2 e tanta serie D, era un momento che aspettavo da anni. Il momento più brutto è stato invece nel 97: avevamo chiuso il campionato 96/97 salvandoci e rimanendo in C2 ed ra già pronta la squadra che avrebbe disputato il campionato 97/98 quando, a poche settimane dall’inizio, venimmo retrocessi in D per illecito amministrativo, rimanendo senza squadra. Fu una stagione difficilissima, dato che chiudemmo il campionato all’ultimo posto, retrocedendo in eccellenza.”
Quest’anno il Matera punta alla promozione. Secondo il tuo parere, questa squadra ha tutte le carte in regola per raggiungere l’obiettivo?

“Columella quest’anno ha fatto le cose in grande per raggiungere questo obbiettivo. Abbiamo una società solida e motivata. Abbiamo Auteri, uno dei migliori allenatori della categoria e, a quanto pare, una gran bella squadra di giocatori forti. Possiamo farcela e dobbiamo farcela. Matera merita questa serie B, che manca da troppo tempo e dopo tanti anni bui possiamo finalmente un po’ divertirci.”

L’intero staff di TifoMatera ringrazia Nunzia Barile per l’immensa gentilezza e disponibilità.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*