L’avversario di turno: il Molfetta

A dir poco travagliata la storia calcistica di Molfetta. 

La gloriosa Molfetta Sportiva, fondata nel 1917 e più volte avversaria del Matera nella vecchia Serie C2 nella prima metà degli anni 90, è fallita nel 1999 a causa di una grave crisi finanziaria. Successivamente sono nate in città altre società calcistiche: il Molfetta Calcio (che nel 2008 cede il titolo sportivo al Putignano), il Liberty, la Libertas, il Borgorosso ed una nuova Molfetta Sportiva, attualmente precipitata in Terza Categoria. Tante realtà calcistiche ma nessuna in grado di andare oltre le categorie regionali pugliesi.

La svolta avviene nel 2016 grazie alla società ASD Nuova Molfetta 1983 che cambia denominazione in ASD Molfetta Calcio, acquista un anno dopo il titolo del Noicattaro ed approda così in Eccellenza; campionato di Eccellenza che i biancorossi vinceranno al termine della stagione 2019/2020, riportando dopo anni la città adriatica in un campionato interregionale.

Il Molfetta festeggia la vittoria nel derby di Coppa contro il Bitonto (foto www.molfettacalcio.it)

Il Molfetta che si appresta a disputare il suo terzo campionato consecutivo in D è sicuramente una delle squadre più interessanti del girone. La società presieduta da Saverio Bufi ha infatti messo a disposizione del mister Renato Bartoli, vecchia conoscenza degli sportivi materani avendo indossato la maglia biancoazzurra nella stagione 2009/2010, una rosa assolutamente competitiva.

Tra i pali ci sarà l’esperto Diamante Crispino, ex Virtus Francavilla, Casertana, Siracusa e Bisceglie ma soprattutto portiere titolare del Como nel 2014/2015: fu proprio lui a difendere i pali dei lariani nella doppia semifinale playoff contro il Matera.

Difesa probabilmente a tre con il georgiano Lobjanidze, riconfermato, il 24enne ex Brindisi, Gravina e Fasano Panebianco e l’under ex Gravina Luca Di Modugno.

In mezzo al campo i tre che dovrebbero scendere in campo sono il capitano Stefano Manzo, 33enne prelevato dal Bitonto, l’ex Matera Lorenzo Longo e uno tra Salvemini, Michele Fucci e Matteo Montinaro, forte centrale ex Casarano.

Lungo le fasce dovrebbero partire titolari Gianluca Stasi, 20enne scuola Bari, a destra e Christian Colaci, anch’egli prodotto del vivaio dei galletti, a sinistra. In panchina il nuovo acquisto Francesco Vivacqua, esperta ala destra prelevata dal Picerno, ed il 20enne Riccardo Ilari.

In attacco mister Bartoli confida nella vena realizzativa di Ciro Coratella, autore di una doppietta in Coppa Italia contro il Bitonto, al cui fianco agirà uno tra il possente Giuseppe Tedesco, 12 gol e 3 assist nella passata stagione ad Altamura, e Savino Leonetti, ex tra le altre di Francavilla in Sinni, Messina e Altamura.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*