L’avversario di turno: il Cosenza

Una formazione del Cosenza 2016/2017 (foto Michele De Marco)
Una formazione del Cosenza 2016/2017 (foto Michele De Marco)

Trentatre punti conquistati in ventuno gare per il Cosenza guidato da qualche settimana da Stefano De Angelis, subentrato all’esonerato Giorgio Roselli, di cui era vice, all’indomani del pareggio interno nel derby contro il Catanzaro.
I rossoblu silani, che hanno vinto tre delle ultime cinque gare disputate e che sono reduci dal roboante 3-0 con cui hanno espugnato Taranto, hanno messo a segno ventinove reti subendone ventidue.
Il ruolino di marcia al “San Vito-Marulla” parla di sei successi, un solo pareggio e tre sconfitte (Taranto, Cosenza e Catania).
De Angelis, che contro il Matera farà il suo esordio tra le mura amiche, punterà nuovamente sul 4-3-3 a trazione anteriore che ha fatto scintille allo Iacovone prima della lunga pausa.
Tra i pali ci sarà il 24enne Pietro Perina, sempre presente finora in campionato.
Difesa a quattro con Angelo Corsi a destra, l’esperto Emanuele D’Anna (34 anni ex Pisa, Benevento e Maceratese) a sinistra e la coppia formata da Edoardo Blondett e Luca Tedeschi al centro.
In mezzo al campo il metronomo Domenico Mungo, centrale classe 1993 nella passata stagione a Pistoia, capitan Cristian Caccetta, a quota 4 nella classifica marcatori, e uno tra Roberto Ranieri, 19enne scuola Atalanta, e Giorgio Capece.
In attacco il tridente composto da Giovanni Cavallaro, 34enne ex Foggia, Trapani e Nocerina, Giuseppe Statella (10 gol messi a segno sinora) ed il francese Allan Pierre Baclet. Non convocato il centravanti Giuseppe Gambino, in odore di cessione.

 

1 Commento

  1. bene una squadra di tutto rispetto il Cosenza sicuramente giocherà + carica anche perchè gioca sul suo campo dipendera tutto dal Matera cercare di fermare il gioco del Cosenza e con controripartenze essere pronti ad offendere ed essere letali sottoporta ,ma bisogna entrare con la mentalità di far bene ed essere aggressivi sui portatori di palla specialmente i nostri attaccanti insieme ad i centrocampisti dovranno dare filo da torcere arrembanti pronti a promuoversi sottorete anche quelle palle che sembrano perse possono dare il là sottorete FORZA MATERA !!! FORZA MAIKOL!!! GO!!! GO!!! GO!!!

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*