I riflettori sul girone C: 9^ giornata

juve_stabia_foggia_tifomateraLa nona giornata di Lega Pro girone C ha fatto registrare risultati importanti che hanno decretato un’unica, provvisoria, capolista in solitaria. Il Lecce approfitta dello scivolone del Foggia e conquista la vetta del girone, a quota 23 punti, grazie ad una affermazione netta per 3-0 ai danni della Virtus Francavilla. Protagonista indiscusso del match Giuseppe Torromino autore di una splendida tripletta. Rimane fermo a quota 20 lunghezze il Foggia, sconfitto al Menti di Castellammare da un’ottima Juve Stabia. 4-1 per le vespe il punteggio finale e campani che accorciano sui satanelli, distanti adesso solo un punto. Per i gialloblu a segno Liviero e Ripa nel primo tempo, momentaneo 2-1 firmato da Mazzeo su rigore; nel secondo tempo chiudono i conti Sandomenico e Montalto in pieno recupero. Grande prova di carattere del Cosenza che recupera, tra le mura amiche, l’iniziale vantaggio della Paganese firmato Cicerelli. Rete campana vanificata da Baclet e Mungo, quest’ultimo autore di un goal in pieno recupero. Chiudono il treno di testa Matera e Monopoli. Lucani che si sbarazzano del Catanzaro grazie ad un poker che porta la firma di Negro nel primo tempo, Iannini, Sartore e De Rose nella ripresa; materani che raggiungono quota 18 punti al quinto posto in classifica, calabresi che rimangono in piena zona playout con 7 lunghezze. Distante solamente un punto la sorpresa Monopoli che vince al Veneziani contro il Messina. La rete del vantaggio biancoverde è di Montini, raddoppio con uno splendido goal firmato Genchi dopo una grande azione personale; la rete della bandiera per i siciliani porta la firma di Madonia in pieno recupero.

casertana_reggina_tifomateraStaccata dal gruppo di testa troviamo la Casertana con 12 punti, fermata in casa sul 2-2 dalla Reggina, distante un solo punto dai falchetti. Vantaggio amaranto di Coralli e pareggio di Carriero nel corso della prima frazione; ospiti che ritornano ancora in vantaggio nuovamente con Coralli ma, in pieno recupero, Taurino consente ai campani di riacciuffare nuovamente il pareggio. Sempre ad 11 punti sale il Fondi che, a sorpresa, vince all’inglese allo stadio Iacovone di Taranto. Il primo goal degli ospiti porta la firma di Albadoro nella ripresa, rete della sicurezza siglata nel finale da Bombagi. Ionici che, nonostante il cambio alla guida con l’avvicendamento tra Prosperi e Papagni, proseguono nel momento negativo rimanendo fermi con 9 punti. Ultima delle squadre a 11 lunghezze è l’Akragas, fermata in casa sull’1-1 dalla Fidelis Andria. I siciliani passano in vantaggio con Zanin ma poi si lasciano raggiungere da Cianci al 93′. Pugliesi che restano fermi a 9 punti in compagnia del Taranto.

melfi_catania_tifomateraIn coda alla classifica termina in parità lo scontro-salvezza tra Melfi e Catania. All’Arturo Valerio passano in vantaggio i padroni di casa con Defendi nel secondo tempo, ma l’incornata di Parisic spegne i sogni dei gialloverdi e salva la faccia ai calciatori etnei, comunque contestati a fine gara dai propri sostenitori giunti in Lucania. Entrambe le squadre rimangono all’ultimo posto in classifica a quota 5 punti. Termina a reti bianche anche l’altro scontro salvezza tra Vibonese e Siracusa, squadre che salgono rispettivamente a quota 6 e 7 lunghezze.

Fonte immagini: lapresse.it, tuttocasertana.it, lasicilia.it.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*