Top & Flop: le pagelle di Latina – Matera

20160807_latina_matera_1_coppa_italia_00003Alastra 6-: incolpevole sull’eurogoal di Paponi. Inoperoso per gran parte del match, è autore di un’uscita aerea avventata nei minuti finali. ESORDIENTE

Di Lorenzo 7: fase difensiva impeccabile, fase offensiva a tratti devastante. Un difensore centrale trasformato in terzino destro da Padalino, in esterno destro da Auteri. Il risultato non cambia, sempre sugli scudi, indice di duttilità e forza fisica. Un giovane dal sicuro avvenire, trattenerlo a Matera è stato un colpo da 90! TOP PLAYER

Piccinni-Ingrosso 6 e 1/2: nonostante siano longilinei ed i pesanti carichi di lavoro si facciano sentire, entrambi appaiono nettamente in crescita rispetto all’esordio con la Caronnese. Nessuna sbavatura e concessione ad attaccanti di categoria superiore. COLLAUDATI

Mattera 7: un mix di agonismo ed eleganza. Cerca sempre l’anticipo, indice di sicurezza nei propri mezzi, per nulla intimorito dal blasone dell’avversario. Strappa applausi a scena aperta ai tifosi Materani, che per anni gli hanno inveito “sportivamente contro”. MURO

Papini 7: interdizione e costruzione, mediano completo! Non a caso era il faro della mediana Leccese, un top player per la categoria. In netta crescita fisica e costantemente sugli scudi per tutto il match. GIGANTE

Casoli 6 e 1/2: la nuova veste di esterno sinistro gli calza a pennello. Macina km ed arriva a fine match stremato, garantendo discretamente entrambe le fasi di gioco. DILIGENTE

De Rose 5 e 1/2: come nella passata stagione il buon Ciccio fatica ad entrare subito in forma, pur essendo un brevilineo. Il modulo con i due mediani potrebbe non essergli congeniale? Da una sua incertezza nasce il goal subito e, dopo alcune esitazioni sulla mediana, cede il posto ad Armellino. AFFATICATO

Strambelli 6 e 1/2: nel 3-4-3 di Auteri fatica ancora a trovare la giusta collocazione. In teoria dovrebbe svolgere il ruolo del Madonia di due anni fa, inventare e non disdegnare la conclusione a rete. In alcuni frangenti sembra assentarsi dal match, ma i suoi lampi sono una spina nel fianco per la difesa avversaria. Assist, calci piazzati e tanto agonismo (vedi spintoni a Dellafiore). ARTISTA

Armellino 6 e 1/2: gagliarda la sua prova. Nella mediana garantisce la giusta fisicità e lucidità. Uno degli attori dell’assedio biancazzurro nei secondi 45′ di gioco. PIMPANTE

Carretta 7: nel secondo tempo mette il turbo, le sue sovrapposizioni con Di Lorenzo sono irresistibili per la difesa avversaria. La corsia di destra è teatro di continue scorribande dei due calciatori biancoazzurri. SPINA NEL FIANCO

Infantino 6: generosa la sua prestazione, ma per vedere al top un ariete del suo calibro sarà necessario attendere che smaltisca i carichi di lavoro. DIESEL
Sartore e Meola s.v.

Auteri 7: la bravura di un mister si valuta in base a quanto riesce ad incidere su gioco e prestazioni dei suoi calciatori. Auteri è un maestro di calcio e la sua “mano” è visibile a tutti, anche ai dirigenti del Latina, artefici tre anni fa di un suo esonero frettoloso. Chissà cosa avranno pensato nel vedere una squadra ospite e di lega pro dettar legge al “Domenico Francioni”. PROFESSORE

Tifosi Materani 7: 120 cuori biancoazzurri al seguito del bue. Numero importante, prestazione di rilievo. La copertura del settore ospiti garantisce un effetto sonoro tale da coprire nettamente il tifo dei locali. La prestazione del Matera aiuta ulteriormente a scaldare anche i più tiepidi. Prestazione generale che lascia ben sperare per il proseguio del campionato. CONVINTI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*