Un Matera bello a metà batte la Paganese. Primo successo targato Armellino e Strambelli. Cronaca e fotogallery

20160904_matera_paganese_00026MATERA – Paganese 2 – 1

Reti: 8’ pt Armellino (M), 9’ pt Strambelli (M), 4’ st Cicerelli (P)

Matera (3-4-3): Bifulco, Mattera, Ingrosso, Piccinni, Di Lorenzo, Armellino, De Rose (26’ st Iannini), Casoli, Carretta, Infantino (38’ st Sartore), Strambelli (13’ st Negro)

A disp.: D’Egidio, Scognamillo, De Franco, Gigli, Iannini, Sartore, Louzada, Negro

All.: Auteri

Paganese (4-4-2): Marruocco, Picone (32’ st Longo), Dicuonzo, Silvestri, Della Corte, Bernardini (12’ st Storia), Parlati (39’ st Sburlino), Pestrin, Tagliavacche, Zerbo, Cicerelli

A disp.: Chirac, Mansi, Alcibiade, Longo, Caruso, Festa, Storia, Sburlino

All.: Grassadonia.

Arbitro: Riccardo Panarese della sezione di Lecce, assistenti i Sig. Gianluigi Di Stefano e Pierluigi Mazzei della sez. di Brindisi.

Note: spettatori 4.000 circa di cui una trentina da Pagani.

Per visionare gli highlights del match clicca QUI

20160904_matera_paganese_00006

20160904_matera_paganese_00009Un Matera bello a metà porta a casa i primi tre punti stagionali nella prima partita casalinga di campionato. Di fronte una Paganese in ritardo sotto l’aspetto dell’organico, dopo il caos pre-campionato legato alla iscrizione dei campani in Lega Pro. Padroni di casa che incantano nella prima frazione e danno l’impressione di fare un sol boccone degli avversari. Il risultato di 2 a 0 con cui si chiude il primo tempo appare addirittura striminzito. Le reti del Matera in rapidissima successione portano la firma di Armellino, complice una deviazione avversaria, e Strambelli, al termine di una cavalcata devastante di Carretta sulla fascia sinistra. Nella ripresa gli ospiti riaprono i conti in contropiede e ci credono nel finale. Il forcing azzurro-stellato non porta frutti, gli uomini di Auteri possono così festeggiare una vittoria importante per ben cominciare il campionato.

20160904_matera_paganese_00028Mister Auteri, di ritorno in panchina dopo la squalifica rimediata nel finale della passata stagione con il Benevento, opta per un consueto 3-4-3. In porta Marino Bifulco, terzetto difensivo composto da Piccinni a sinistra, Mattera a destra ed Ingrosso centrale; centrocampo con De Rose ed Armellino al centro, Casoli a sinistra e Di Lorenzo a destra. In avanti tridente con Infantino punta centrale, Carretta e Strambelli esterni offensivi. Il Matera parte subito forte e controlla fin dalle prime battute il pallino del gioco, dando l’impressione di poter sfondare in qualsiasi momento la retroguardia campana. Gli ospiti adottano uno schema ultra difensivo, con undici giocatori a difendere dietro la linea della palla. I biancoazzurri, oggi in campo con la prima divisa ufficiale, sbloccano il punteggio al minuto 10′. La percussione di Carretta sulla fascia sinistra è fulminea, la palla a centro area è un assist d’oro per Armellino che insacca con un tiro ad incrociare, complice anche una deviazione della retroguardia campana. Passa un minuto ed il numeroso pubblico accorso al XXI Settembre Franco Salerno esulta nuovamente, azione fotocopia della prima rete con Carretta che sembra inarrestabile, questa volta il suo passaggio a centro area è preda di Strambelli che calcia di prima, nulla può Marruocco. I padroni di casa, sulle ali dell’entusiasmo, giocano bene e continuano a proporsi in attacco. Ancora Carretta, scatenato nella prima frazione, serve Infantino, l’attaccante nativo di Tricarico, non proprio in serata di grazia, cicca la palla e l’azione sfuma. L’esterno offensivo di Gallipoli ci prova con un’azione personale a metà primo tempo, al termine di una bella serpentina calcia a rete ma è super questa volta l’intervento dell’estremo difensore ospite. Marruocco tiene in vita i suoi compagni con due prodigiose parate sul finire della prima frazione, prima sul sinistro di Strambelli diretto all’incrocio dei pali, poi su conclusione dell’indemoniato Carretta. Matera che chiude il primo tempo sul risultato di 2 a 0 che sta stretto ai lucani.

20160904_matera_paganese_00039Nella ripresa la musica cambia subito. Solo un episodio può rimettere in gioco gli azzurro-stellati, puntuale arriva al minuto 4′. Da un calcio d’angolo per i padroni di casa si genera un contropiede per la Paganese, apertura millimetrica di Pestri che pesca Cicerelli e sorprende Ingrosso, è bravo l’attaccante campano a rientrare sul destro mettendo a sedere Armellino e battere Bifulco. Il goal degli ospiti galvanizza la squadra di mister Grassadonia che ci crede e si sbiliancia in avanti alla ricerca della rete del pari. A centrocampo sale in cattedra Pestrin, la Paganese prende il controllo della zona nevralgica e mette in affanno la retroguardia biancoazzurra, soprattutto Ingrosso e Piccinni. Mister Auteri cerca di ridare vigore alla spinta offensiva dei suoi inserendo Negro al posto di Strambelli. Successivamente è il turno di capitan Iannini che fa il suo ingresso in campo tra gli applausi, fuori De Rose. Il Matera ha varie occasioni per chiudere i conti ma la stanchezza della preparazione atletica si fa sentire, in fase offensiva i padroni di casa peccano di lucidità, la stessa che manca in alcune giocate difensive che tengono con il fiato sospeso i tifosi. Escludendo alcune conclusioni dalla distanza terminate abbondantemente a lato, l’unica vera occasione per gli ospiti è firmata ancora Cicerelli, la sua seconda rete personale è annullata giustamente dal direttore di gara per fuori gioco. In chiusura di partita mister Auteri sostituisce Infantino con Sartore. Non accade più nulla ed il Matera dai due volti può portare a casa tre punti fondamentali, l’urlo liberatorio dei sostenitori materani sancisce la vittoria sulla Paganese per 2 a 1. Un successo sicuramente molto sofferto, su cui hanno inciso diversi fattori tra cui la stanchezza dei padroni di casa (i carichi di lavoro imposti dal tecnico di Florìdia si sono fatti sentire nella ripresa) ed il netto ritardo degli avversari sotto l’aspetto dell’organico, gap che potrà comunque essere colmato nella finestra aggiuntiva di calciomercato concessa al club azzurro-stellato dalla Federazione.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*