Il Lecce si aggiudica il big match del girone C, uno splendido goal di Mancosu stende un gran Matera

Matera-Lecce2110201700004Matera – Lecce 0-1

Reti: 17′ st Mancosu (L)

Matera (3-4-3): Golubovic, Buschiazzo (24’ st Battista), De Franco, Mattera, Angelo, Urso (42’ st Maimone), De Falco, Sernicola (31’ st Maciucca), Strambelli, Giovinco (31’ st Salandria), Casoli
A disp.: Tonti, Mittica, Stendardo
All.: Auteri

Lecce (4-3-1-2): Perucchini, Lepore (48’ st Megalaitis), Riccardi, Marino, Di Matteo, Mancosu, Arrigoni, Armellino, Pacilli (18’ st Costa Ferreira), Caturano (18’ st Di Piazza), Torromino (31’ st Ciancio)
A disp.: Chironi, Vicino, Gambardella, Valeri, Lezzi, Tsonev, Dubickas
All.: Liverani

Arbitro: il Sig. Simone Sozza della sez. di Seregno.

Note: 3.563 spettatori totali, con circa 400 provenienti da Lecce. Nel primo tempo gli Ultras Curva Sud Matera hanno esposto un messaggio in ricordo di Emanuele Ricciardi, più comunemente conosciuto a Matera come “Maestro Ricciardi”, scomparso in settimana. Ammoniti: De Franco, Urso, De Falco (M) e Riccardi (L).

La fotogallery completa di Matera – Lecce

Guarda gli highlights di Matera – Lecce a cura di Sportube.tv

Guarda l’intervista pre-partita a mister Auteri e Liverani

Guarda il video dell’intervista a caldo dopo Matera – Lecce: Pier Venezia

Guarda l’intervista post-partita a mister Auteri e Liverani

Matera-Lecce2110201700002

Matera-Lecce2110201700007SINTESI – Il Lecce si aggiudica il big match del girone C di serie C battendo il Matera per 1 a 0. Decide il gran goal di Mancuso nel secondo tempo, un bolide che si è infilato all’incrocio dei pali non lasciando scampo al portiere Golubovic. Una partita equilibrata, affrontata a viso aperto da entrambe le squadre. Prestazione notevole dei biancoazzurri che giocano bene e sfiorano la rete in più occasioni, un super Perucchini nega più volte la gioia del goal ai padroni di casa. Giallorossi ospiti che si sono fatti vedere pericolosamente dalle parti di Golubovic in qualche circostanza, cogliendo anche un palo con il subentrato Di Piazza in seguito al vantaggio. La rete ospite ha annullato i lucani, capaci solo di creare qualche mischia pericolosa nei minuti finali. In un match da tripla in schedina, l’episodio premia il Lecce che porta a casa tre punti pesantissimi; per il Matera solo gli applausi dei propri tifosi a fine gara.

PREMESSA – Mister Auteri si affida sempre al suo collaudato 3-4-3. Il tecnico di Florìdia deve fare a meno dello squalificato Scognamillo, espulso contro il Catanzaro; al suo posto debutta dal primo minuto il difensore argentino Buschiazzo, che insieme a capitan De Franco e Mattera compongono il terzetto difensivo. De Falco e Urso in regìa, a sinistra trova spazio Sernicola, a destra Angelo. In avanti tridente formato da Giovinco, Strambelli e Casoli. I biancoazzurri ospitano il Lecce di mister Liverani, subentrato a Rizzo (ex allenatore del Matera) dopo poche giornate di campionato. Una squadra temibile quella giallorossa, schierata con un 4-3-1-2. A centrocampo figura tra i titolari Marco Armellino, lo scorso anno con la casacca biancoazzurra. In partenza l’attacco giallorosso è composto dalla coppia Caturano – Torromino.

Matera-Lecce2110201700014CHIAVE DI LETTURA – Fin dai primi minuti sembra chiaro che i giallorossi intendono giocarsi il match a viso aperto. Tuttavia è il Matera ad avere la prima grande occasione da goal: è il minuto 13′ quando Strambelli scodella a centro area un cross perfetto, Casoli incorna di testa ma Perucchini effettua una parata semplicemente strepitosa, impedendo alla sfera di entrare. Lucani che dimostrano di avere un ottimo palleggio a centrocampo, senza tuttavia riuscire a sorprendere la retroguardia salentina, ben posizionata. Ci prova Strambelli al 20′ con un sinistro diretto all’incrocio dei pali, palla fuori di un soffio. Lo stadio applaude lo striscione degli Ultras Curva Sud per ricordare il Maestro Ricciardi, figura storica della città di Matera, scomparso in settimana. Alla mezz’ora è il Lecce a farsi vedere in avanti, Golubovic è costretto a distendersi per respingere un bel destro di Pacilli. L’ultima emozione del primo tempo consiste in un calcio piazzato battuto da Strambelli, il numero dieci cerca di sorprendere Perucchini sul suo palo ma il tiro finisce fuori di poco. Più Matera che Lecce nei primi quarantacinque minuti. Nella ripresa, come per il primo tempo, la prima occasione da rete è un colpo di testa dei lucani: questa volta è Sernicola a colpire sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Perucchini respinge con un tuffo plastico. E’ il minuto 17′ quando, dopo un batti e ribatti davanti l’area di rigore materana, la sfera arriva a Mancosu che calcia una botta terrificante dai venti metri, la sfera si infila proprio sotto il sette, incolpevole Golubovic. Si alterano gli equilibri al XXI Settembre Franco Salerno grazie all’eurogoal di Mancosu, esultano i circa quattrocento tifosi giallorossi assiepati nel settore ospiti. Il Matera accusa il colpo e perde la bussola, non riuscendo più ad attaccare con ordine. Negli ultimi dieci minuti si fa vedere due volte il neo-entrato Di Piazza: prima calcia a lato di sinistro da buona posizione, poi prova a sorprendere Golubovic in uscita ma la palla si stampa sul palo. Gli ultimi affondi della disperazione producono solo qualche mischia e cross teso nell’area di rigore del Lecce. Il match termina 0-1 in favore dei giallorossi.

Matera-Lecce2110201700023CONCLUSIONETre punti d’oro per il Lecce contro una squadra ostica come il Matera. Partita in equilibrio fino alla giocata vincente di Mancosu, la giocata che decide un match da tripla in schedina. Buona prestazione degli uomini di Auteri che imbrigliano i salentini ma non riescono a concretizzare. Lo stadio applaude a fine gara De Franco e compagni, autori di una prova comunque generosa e ben preparata. Giallorossi che, dal canto loro, grazie alla vittoria di Matera provano a scappare in classifica grazie anche alla sconfitta del Catania, tra le mura amiche, contro la Sicula Leonzio. Matera che adesso osserverà un turno di riposo, prima di rifiondarsi nel campionato sabato 4 novembre contro la Juve Stabia, in casa.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*