Il grande ritorno di Gaetano Auteri nella città dei Sassi

presentazione_auteri_tifo_matera_00021Dove eravamo rimasti? Una città che sogna, uno stadio stracolmo in ogni ordine di posto, una formazione che sfiora l’impresa. La semifinale playoff amara, persa ai rigori contro il Como, pose fine a quella che fu una grande cavalcata che vide il Matera 2014/2015 quasi bissare la storica promozione in serie B conquistata nella stagione 1978/1979. Una sconfitta che mise la parola “fine” all’avventura di Gaetano Auteri come guida tecnica del club di Columella. A distanza di una stagione, il tecnico di Floridia siederà nuovamente sulla panchina del club della città dei Sassi per riprendere il discorso che è stato bruscamente interrotto. Martedì 5 luglio, presso Palazzo Viceconte, il presidente del sodalizio biancoazzurro, accompagnato dal direttore sportivo Pino Iodice, ha presentato ufficialmente Auteri come allenatore del Matera 2016/2017.

“A Matera vogliamo riprendere questo discorso lasciato aperto un anno fa. La società è stata brava a ricostruire tutto, a ricreare una base. Il Matera ha 16 giocatori di alto livello con i quali far bene, Columella riesce sempre a creare i progetti. Siamo partiti da matricola quando sono arrivato qui la prima volta, ora siamo una realtà rispettata nel panorama della Lega Pro. Se oggi fosse l’indomani della semifinale persa con il Como e ripartissimo da quel gruppo, da quel contesto, non avrei nessun dubbio a dire: giochiamo per vincere il campionato. Noi ci dobbiamo confrontare con tutti, ma adesso è difficile dire che vinceremo. Da soli a calcio non giochiamo, ma una certezza ce l’abbiamo: abbiamo grandi motivazioni. In questa stagione vogliamo essere stra-competitivi e fare bene. Lo faremo non attraverso le parole, ma attraverso i riscontri del campo. I giocatori a disposizione li conosco. Quello che faremo, lo faremo con il tempo e con oculatezza. Non vogliamo prendere in giro la gente, in questo momento siamo in una situazione ottima, diversa da quella dell’anno scorso. La società è cresciuta davvero tanto e si è avvalsa di valide figure. Tra poco avremo anche delle strutture nostre e la possibilità di lavorare lì 24 ore al giorno”.

presentazione_auteri_tifo_matera_00029Alle parole di mister Auteri fanno eco quelle del presidente Columella, che non si è risparmiato nelle parole di elogio per il tecnico di Floridia.

“Auteri mi aveva detto che quando sarebbe andato via da Matera noi non ci saremmo divertiti più. Ed è stato così. Sono convinto che con Auteri ci divertiremo nuovamente. Lui lo chiamo “maestro”, perché quando vedi i suoi allenamenti ed insegnamenti apprendi ciò che è il vero calcio. Siamo pronti per questa nuova avventura. Quest’anno le cose sono diverse, sono conscio di partire con gente esperta, prendendo Iodice ho coperto più di una figura in società, con grande spessore. Con Auteri come tecnico sono a posto. Sono contentissimo oggi. Sono contento per le opportunità: Auteri è un maestro. Gli abbonamenti sono ancora pochi, non sono soddisfatto. C’era l’attenuante dell’allenatore che mancava, ora non ci sono scuse. Serve gente al campo per poter far vedere a tutti la vera dimensione di Matera. Secondo me, quattromila abbonamenti si possono fare. Pretendo, con rispetto, che si raggiunga questo numero”.

L’ultima parola spetta al direttore sportivo, Pino Iodice.

“Quest’anno abbiamo le idee ben chiare. Auteri lo volevamo fortemente e l’abbiamo nascosto al meglio per potarlo qui a Matera. Per le strutture abbiamo un discorso avviato con l’Assessore allo Sport del Comune di Matera, Massimiliano Amenta, che si è messo sempre a disposizione. Il programma è ben avviato. L’assessore si sta facendo carico di quelle che sono le nostre necessità. Matera città non può avere solo uno stadio e nessuna struttura, bisogna andare avanti”.

presentazione_auteri_tifo_matera_00006Le premesse per vivere una grande stagione ci sono tutte, ora la palla passa ai tifosi che devono dimostrare con i fatti (leggasi abbonamenti) di essere vicini alla società ed alla squadra. Insieme si possono raggiungere traguardi importanti.

« di 2 »

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*