LA VOCE DEL TIFOSO DELLA JUVE STABIA PER JUVE STABIA-MATERA: LA GIORNALISTA FELICIA FERRARA

Torna l’appuntamento con la rubrica “La voce del tifoso”. Rubrica che ci accompagnerà per l’intera stagione. Diamo spazio ai tifosi, sia locali che ospiti, i quali ci raccontano le loro sensazioni pre-match.

Oggi abbiamo il piacere di intervistare Felicia Ferrara,  giornalista presso Stabia Channel.

Come reputa la stagione in corso della Juve Stabia?
«Ho sempre sostenuto che la Juve Stabia che ha iniziato questa nuova stagione era praticamente una scommessa. Una squadra nettamente rivoluzionata rispetto allo scorso campionato, con tanti nuovi giovani calciatori di qualità che, contro qualsiasi pronostico, si sono subito adattati al nuovo ambiente e ai dettami di Fontana. Dopo il passo falso all’ esordio contro il Catania, le Vespe hanno iniziato a macinare numeri da paura, rivelandosi una formazione fortissima, probabilmente la migliore per gioco e qualità, rispetto alle dirette concorrenti alla promozione e una schiacciasassi soprattutto tra le mura amiche. A tal proposito penso che il percorso fatto fino alla sosta natalizia parli da solo e che la vetta della classifica sia stata la giusta ricompensa per tutti i sacrifici fatti sia dai ragazzi che dalla dirigenza. Alla ripresa del campionato, a gran sorpresa, c’è stata però l’involuzione: stanchezza fisica e mentale, poca brillantezza ed altri fattori hanno preso il soppravvento sul gioco spumeggiante espresso in precedenza; i risultati negativi hanno generato la contestazione della piazza e portato Fontana alla ghigliottina. Carboni ha rilevato la pesante eredità del tecnico calabrese con il compito di guidare la Juve Stabia al raggiungimento del massimo che, a questo punto, si può chiedere a questa stagione: il terzo posto. L’ impresa non sarà per nulla semplice perchè oltre a guardare al Matera, i gialloblu devono anche guardarsi le spalle dall’ arrivo di Siracusa e Virtus Francavilla, distanti solamente 3 e 4 punti. Insomma la bagarre è aperta, si prospetta un finale rantolante».
Nell’ultimo match di campionato, la Juve Stabia è stata sconfitta dal Lecce. Che partita è stata? Mentre quella col Matera che partita sarà?
«La sconfitta arrivata al “Via del Mare” diciamo che non ha deluso le aspettative della vigilia perchè, come sottolineato dallo stesso Carboni nel post gara, il Lecce è un gradino superiore alla Juve Stabia. Rispetto al derby di domenica scorsa contro la Paganese, il mister ha effettuato un contenuto turnover soprattutto a centrocampo dove, complice la sconfitta di Capodaglio, si sono rivisti dal primo minuto Matute ed Esposito, e nel tridente offensivo in cui l’ inamovibile Lisi è stato accompagnato da Kanoutè e Paponi. Sin da primo minuto la corazzata giallorossa ha imposto sul campo la propria superiorità lasciando poco spazio alla manovra stabiese, tanto da rientrare negli spogliatoi in vantaggio di una rete. Nella seconda frazione di gioco, le Vespe sono state più coraggiose e hanno fatto vedere sprazzi di bel gioco ma ciò non è bastato ad evitare la prima sconfitta della gestione Carboni. La gara di domenica contro il Matera sarà un match- point per ambo le formazioni; ci si gioca seriamente il terzo posto e anche quello che sarà un buon piazzamento nella griglia dei playoff. Il risultato non è per niente scontato perchè, come le Vespe, anche i Buoi sono reduci da un periodo tutt’altro che brillante. Mi auguro di vedere una bella sfida, dove sia il calcio a farla da padrona»
Chi sono, a suo avviso, gli osservati speciali del match?
«Credo che tutti i reparti del Matera siano dotati di grande qualità, egregiamente espresse nella prima parte di stagione. Se devo indicare dei calciatori in particolare, gli osservati speciali saranno sicuramente i tre d’attacco Carretta, Strambelli e Negro, che con le sue 15 reti in stagione è in piena lotta con Mazzeo e Caturano per il titolo di capocannoniere del Girone C. Per quanto riguarda la Juve Stabia, il più temibile resta bomber Ripa che poche volte fallisce la sua missione quando viene schierato nell’undici titolare, ma non vanno sottovalutati nemmeno Paponi e Lisi, peraltro a segno già nella gara d’andata».
Secondo il suo parere, chi riuscirà a guadagnarsi la promozione diretta?
«La risposta può sembrare scontata: dico Foggia non solo perché è prima in classifica ma anche perché, dopo aver vinto lo scontro diretto col Lecce, sta giocando e giocherà queste ultime partite di campionato sull’onda dell’entusiasmo e con la carica e la forza della Capolista. La compagine giallorossa, seppur sia una corazzata e fautrice di bel gioco (ne è una dimostrazione la gara contro le Vespe), invece, scenderà in campo in queste ultime giornate con la paura di chi non può sbagliare e penso che questo sia un elemento a sfavore dei Lupi».

L’intero staff di Tifo Matera ringrazia la giornalista Ferrara per l’immensa gentilezza e disponibilità.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*