Riflettori sul girone C: 26^ giornata

A quanto pare l’equilibrio in vetta al girone C di Lega Pro sembra andare verso la rottura. Il Lecce capolista conferma la sua posizione dopo la vittoria di Reggio Calabria: i giallorossi battono 2-1 la Reggina e raggiungono 55 punti in classifica. Dopo il vantaggio di Marconi i calabresi padroni di casa erano riusciti a pareggiare con Coralli, ma nel secondo tempo Doumbia mette al sicuro il risultato; vittoria che permette agli uomini di Padalino di portare a casa la vittoria. Gli amaranto di Zeman, d’altro canto, con questa sconfitta restano terz’ultimi con 23 punti.

20170218_Foggia_Matera_2_Tifomatera_00012Il big-match di giornata tra Foggia e Matera termina con una netta vittoria per i satanelli per 3-1; già nella prima frazione di gara i rossoneri hanno raggiunto il vantaggio di tre reti con Agazzi, Deli e autorete di Mattera. Nel secondo tempo la partita è proseguita sulla falsariga del primo, padroni di casa che hanno controllato il gioco approfittando dell’inferiorità numerica con cui i biancazzurri materani hanno giocato per tutti i restanti 45 minuti, espulsione di Armellino rimediata in chiusura della prima frazione. La rete di Iannini poi è servita solo per le statistiche ed ha evitato un passivo pesante per la squadra di Auteri. Il Foggia, dunque, ora è secondo con 53 punti, mentre il Matera resta alle sue spalle con 49 punti.

La Juve Stabia torna finalmente alla vittoria e lo fa al “Luigi Razza” di Vibo Valentia. Le vespe vincono 1-0 contro i padroni di casa grazie alla rete di Morero e ora sono quarte con 48 punti, mentre la Vibonese è penultima con 19 punti. Continua a vincere senza sosta la Virtus Francavilla: tra le mura amiche gli uomini di Calabro, orfani di Nzola squalificato, vincono per 1-0 lo scontro diretto per i play-off contro il Cosenza grazie al gol di Ayina che proietta i brindisini al quinto posto con 45 punti, mentre il Cosenza rimane fermo a 38. A pari punti con i calabresi si piazza il Fondi, che esce vittorioso dal confronto casalingo contro il Monopoli; punteggio finale di 1-0 con rete messa a segno da Tiscione per i rossoblu, il gabbiano rimane fermo al tredicesimo posto a quota 29 punti. Dopo lo stop casalingo del precedente match, reagisce la Casertana che espugna il “Degli Ulivi” di Andria per 2-0 grazie alle reti di Rainone e Corado, giungendo al decimo posto con 36 punti, mentre i baresi sono ottavi con un punto in più. Lo leccescontro fra Catania e Taranto termina con uno scialbo 0-0.

Da registrare l’importante vittoria in chiave salvezza per la Paganese in Paganese-Messina per 2-0: Alcibiade e Firenze regalano 3 punti a Grassadonia. Formazione campana che raggiunge 30 punti in classifica, mentre i siciliani restano a 27. Il Siracusa vince per 3-1 in casa contro un Melfi condannato alla decima sconfitta consecutiva. La partita rimane ancorata sull’1-1 fino a 5 minuti dalla fine (dopo le reti di Scardina e Marano), poi ci hanno pensato De Silvestro e De Respinis e mettere il risultato in cassaforte per i padroni di casa che salgono a 35 punti, mentre il Melfi resta ultimo con 17. Infine torna alla vittoria il Catanzaro che batte l’Akragas tra le mura amiche per 1-0 grazie a Giovinco: la rete della vittoria è stata siglata allo scadere del match.

Fonte dell’immagine di copertina: lapresse.it

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*