Riflettori sul girone C: 25^ giornata

Parla salentino la vetta della classifica del girone C dopo gli esiti della 25^ giornata. Il Lecce di mister Padalino è l’unica tra le big a vincere e lo fa per 2-1 in casa contro il Siracusa, anche se non con poche difficoltà. Il rigore di Caturano e la strana autorete di Malerba permettono ai giallorossi di guardare tutti dall’alto con 52 punti, mentre i siciliani, che avevano accorciato le distanze con De Silvestro, restano a 32 punti a ridosso della zona play-off. A farne le spese con la perdita del primo posto è il Foggia: i rossoneri escono sconfitti nel derby allo “Iacovone” di Taranto dove i padroni di casa bagnano l’esordio in panchina di Ciullo con una vittoria per 2-0 con reti di Magnaghi e De Giorgi. 3 punti fondamentali in chiave salvezza per gli jonici che salgono a 24 e Foggia che resta secondo con 50 punti.15533217le3.jpg

Non ne approfitta della sconfitta dei satanelli il Matera, i biancazzurri di Auteri cadono clamorosamente e per la prima volta nella stagione in corso al “XXI Settembre”, per merito di un cinico e ordinato Francavilla. I brindisini espugnano Matera per 3-2 con i lucani costretti sempre ad inseguire e non bravi a sfruttare numerose palle gol: la doppietta di uno straripante Nzola e la rete di Alessandro, sempre su assist del ventenne di colore, permettono agli uomini di Calabro di continuare a sorprendere e piazzarsi al quinto posto con 42 punti, mentre il Matera, a segno con Carretta e Lanini, resta terzo a 49 e si lecca le ferite, con la consapevolezza di dover riprendere a correre per poter perseguire i suoi obiettivi.

Ancora un risultato al di sotto delle aspettative per la Juve Stabia che pareggia in casa per 1-1 contro il Fondi e resta quarta con 45 punti. Alla rete di Izzillo per le vespe risponde Giannone per gli ospiti laziali che forse avrebbero meritato qualcosa in più per quanto prodotto in campo, ma comunque conquistano un punto importante che permette di piazzarsi al nono posto con 35 punti. Corsara la Fidelis Andria in quel di Melfi: gli uomini di Favarin vincono per 2-1 e condannano i lucani ad un record negativo di 9 sconfitte di fila. I marcatori per i pugliesi sono stati Cianci e Croce, reti che permettono alla propria squadra di raggiungere il settimo posto con 37 punti, mentre il Melfi, a segno con Marano, ora è ultimo con 17 punti. Nel posticipo del lunedi sera finisce 2-2 il derby calabrese tra Cosenza e Reggina, la doppietta di D’Orazio per i cosentini risponde all’altra doppietta di Coralli per gli amaranto di Zeman, quindi un punto a testa che consente al Cosenza di piazzarsi al sesto posto con 38 punti e alla Reggina di conquistare un punto in ottica play-out. Gli amaranto si piazzano al diciassettesimo posto con 23 punti.20170212_Matera_Virtus_francavilla_Tifomatera_00005

Sconfitte inaspettate per Catania e Casertana: gli etnei perdono il derby contro l’Akragas in trasferta per 2-1. Gli agrigentini in rete con Pezzella e Salvemini ribaltano il gol di Mazzarani e conquistano 3 punti fondamentali in chiave salvezza, salendo a 24 punti; la Casertana cade in casa abbastanza clamorosamente per mano della Vibonese che si impone al “Pinto” per 2-1 grazie alle reti di Sowe e Piroska, lasciando l’ultimo posto con 19 punti, mentre i falchetti, in rete con Rajcic, restano decimi con 33 punti. In zona salvezza il Messina riesce a battere il Catanzaro per 2-1 in casa grazie alle reti di Anastasi e Gladestony e sale a 27 punti in classifica, uscendo per il momento dalla zona play-out, mentre il Catanzaro è terz’ultimo con 21 punti. La Paganese vince per 2-0 in quel di Monopoli grazie a Cicerelli e Della Corte e si risolleva dopo un periodo abbastanza negativo.

Fonte dell’immagine di copertina: leccenews24.it

 

1 Commento

  1. bene ora recuperiamo i cocci e ripartiamo testa sul collo e piedi x terra
    ora bisognerà scrollarsi di dosso tutte le negatività e preparare la gara contro il Foggia con saggezza bisogna recuperare Strambelli ed gli altri compagni , Meola ecc… bisogna diventare + precisi ed essere ordinati per farsi trovare chirurgicamente al momento giusto x battere a rete allenarsi e riprovare calci d’angolo, punizioni ( Armellino Negro, Strambelli, Casoli ecc… ) ogni pallone è importante anche quello che sembra che vada fuori diventa fondamentale x vincere una gara . qui ci vuole tutta l’unità di una squadra x superare anche i momenti difficili siamo ancora in corsa riprendiamo il cammino della giusta strada FORZA MATERA !!! MAIKOL GO!!! GO!!!! GO!!!

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*