Riflettori sul girone C: 27^ giornata

La classifica del girone C parla chiaro: Lecce e Foggia sembrano aver preso il largo dimostrando di avere una base solida su cui fare affidamento per l’assalto finale alla Serie B. Attualmente sul primo gradino del podio restano i salentini, dopo la vittoria casalinga per 2-1 contro la Vibonese; i giallorossi guidano la graduatoria con 58 punti. Le reti di Pacilli su rigore e Marconi regalano una vittoria importante agli uomini di Padalino, nonostante avessero di fronte una non rinunciataria Vibonese, rimasta sull’1-1 con gol di Viola fino a pochi minuti dal termine. Calabresi che acquisiscono fiducia per la salvezza, restando comunque penultimi a quota 19 punti. Anche il Foggia non passeggia in quel di Agrigento, 25.02.2017.Matera_Siracusa00041ma riesce a strappare via i 3 punti grazie a Di Piazza che in “zona cesarini” stabilisce il risultato per 1-0 a favore dei suoi; satanelli che raggiungono quota 56 punti. Akragas che invece resta in zona play-out con 24 punti.

Terzo posto condiviso da Matera e Juve Stabia con 49 punti. I biancazzurri ormai sembrano clamorosamente fuori dai giochi per la lotta promozione: dopo le 3 precedenti sconfitte consecutive, arriva anche la quarta in maniera ancor più eclatante. A far festa al “XXI Settembre” è il Siracusa che passa con un rotondo 4-0, frutto delle marcature di Azzi, Turati, Persano e Catania. Siciliano che ora si ritrovano a ridosso dei play-off con 38 punti, mentre il Matera deve analizzare la situazione e farsi un esame di coscienza sui motivi che hanno buttato all’aria una stagione che fino a poche settimane fa era stata perfetta. Altra grande esclusa per la lotta al vertice è ormai la Juve Stabia che non va oltre il 3-3 casalingo contro la Reggina. In gol per le vespe sono andati Marotta con una doppietta e Ripa, mentre i calabresi a segno con Bangu, De Vito e Leonetti conquistano un ottimo punto in chiave salvezza, piazzandosi al diciassettesimo posto con 24 punti.

In ottica play-off cade la Virtus Francavilla, ferma a 45 punti. I biancazzurri di Calabro escono sconfitti dalla trasferta di Caserta, dove la Casertana si aggiudica la partita vincendo per 1-0 con un gran gol di Carriero, la cui rete rilancia i suoi in classifica al nono posto con 39 punti. Il Cosenza invece pareggia per 2-2 il confronto interno contro il Fondi. Iniziale botta e risposta Calderini-Mendicino, poi nel secondo tempo i laziali sorpassano ancora con Calderini per poi vedersi raggiungere da D’Orazio allo scadere. Cosenza che ora è a 39 punti in compagnia di Casertana, Catania e lo stesso Fondi, tutte squadre in lotta per un posto nei play-off. Il Catania esce vittorioso dal derby contro il Messina: il match del “San Filippo” termina 2-1 in favore degli etnei, bravi a ribaltare lo svantaggio iniziale grazie alle reti di Pozzebon e Barisic, mentre gli uomini di Lucarelli, in gol con Milinkovic, restano 25.02.2017.Matera_Siracusa00013a 27 punti con sole 3 lunghezze di vantaggio sulla zona play-out.

Nella lotta per la salvezza il Taranto conquista 3 punti importanti tra le mura amiche, vincendo per 1-0 contro il Catanzaro grazie al gol di Magnaghi. Jonici al momento quindicesimi con 28 punti, mentre i calabresi sono fermi a 24. Altra pesante sconfitta per il Melfi che perde per ben 4-0 in casa contro la Paganese ed è sempre più ultimo con 17 punti. Gli azzurrostellati di Grassadonia invece, in gol con Tascone, doppietta di Firenze e Bollino,  giungono a quota 33. Infine termina per 1-1 il derby pugliese tra Monopoli e Fidelis Andria: gli uomini di Favarin, avanti con Aya, si sono fatti raggiungere dai biancoverdi che al novantesimo sono andati a segno con Genchi su rigore.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*